fbpx
Header
Regolamento_CLP_modifiche-BN.jpg

AGGIORNAMENTO DEL 17/11/2020

Pubblicato il Regolamento UE 1677/2020 che modifica il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele al fine di migliorare la praticabilità delle prescrizioni di informazione in materia di risposta di emergenza sanitaria; in particolare, con il testo in oggetto viene modificato l’Allegato VII.

Come riportato nei considerando iniziali del testo, le modifiche si sono rese necessarie in quanto Diversi comparti del settore hanno espresso preoccupazioni sulla praticabilità delle prescrizioni di informazione in materia di risposta di emergenza sanitaria in determinati casi.
Inoltre, è necessario affrontare la situazione in cui in una miscela sono utilizzati componenti diversi ma molto simili dal punto di vista tossicologico e i casi in cui non è noto quale componente è presente in una particolare miscela immessa sul mercato in un dato momento.
Infine, per affrontare le difficoltà specifiche incontrate nei settori del gesso, del calcestruzzo preconfezionato e del cemento, nonché di consentire a tali settori di conformarsi alle prescrizioni in materia di risposta di emergenza sanitaria senza una riduzione del livello di sicurezza, dovrebbe essere possibile effettuare la trasmissione delle informazioni in materia di risposta di emergenza sanitaria relative a determinate miscele standardizzate nell’ambito dei suddetti tre settori mediante riferimento a una composizione standard.

Il testo del nuovo allegato VII è in vigore dal 14/11/2020, giorno successivo la pubblicazione.

Biorepack_BN.jpg

AGGIORNAMENTO DEL 17/11/2020

Sulla Gazzetta Ufficiale del 14/11/2020 è stato pubblicato il decreto DM 16/10/2020 di Approvazione dello statuto del Consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabili (Biorepack)

Ai fini dello statuto e delle attività del consorzio, per plastica biodegradabile e compostabile si intende quella certificata conforme alle norme armonizzate UNI EN 13432:2002 e/o UNI EN 14995:2007 da parte di organismi accreditati.

Secondo quanto definito dall’articolo 2, al Consorzio partecipano i fornitori di materiali di imballaggio in plastica biodegradabile e compostabile, e i fabbricanti e trasformatori di imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile e/o dei relativi semilavorati, certificati conformi alle predette norme armonizzate.
Possono aderirvi i commercianti, distributori, addetti al riempimento, utenti di imballaggi, importatori di imballaggi pieni, riciclatori (ovvero le imprese che trattano a fine vita gli imballaggi). I trasformatori di imballaggi in materiali compositi partecipano al Consorzio che ha per oggetto il materiale prevalente della tipologia di imballaggio da essi prodotta.

Misure_urgenti_lavoratori_imprese_covid19.jpg

AGGIORNAMENTO DEL 10/11/2020

Pubblicato il Decreto legge 149/2020 che riporta: Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.
Il testo, composto da IV titoli, 32 articoli, e 3 allegati, riporta principalmente misure ulteriori a sostegno di lavoratori ed imprese:

  • proroghe versamenti,
  • rate IMU per determinati codici Ateco,
  • sospensione versamenti tributari,
  • misure di integrazione salariale,
  • congedi straordinari,
  • bonus,
  • ed introduce, anche, modifiche al testo Unico Sicurezza, Dlgs 81/2008.

In particolare, con l’articolo 17 del Titolo II Disposizioni in materia di salute, lavoro e famiglia, si modificano dli allegati XLVII, Indicazioni su misure e livelli di contenimento, e XLVIII, Contenimento per processi industriali, del Testo Unico Sicurezza.

Il testo entra in vigore dalla data di pubblicazione, ovvero dal 9 novembre 2020.

DPCM_13-10-2020-BN.jpg

AGGIORNAMENTO DEL 26/10/2020

Domenica 25 ottobre 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n° 265, DPCM 24 ottobre 2020: Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19».

Le disposizioni si applicano dal 26 ottobre 2020, in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2020, come modificato e integrato dal successivo DPCM del 18 ottobre 2020, e sono efficaci fino al 24 novembre 2020.

In riferimento alle attività produttive segnaliamo la lettera ll) dell’articolo 1:

  1. ll) in ordine alle attività professionali si raccomanda che:

1) esse siano attuate anche mediante modalità di lavoro agile, ove possano essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;

2) siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;

3) siano assunti protocolli di sicurezza anti-contagio, fermo restando l’obbligo di utilizzare dispositivi di protezione delle vie respiratorie previsti da normativa, protocolli e linee guida vigenti;

4) siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;

e l’articolo 2 che specifica l’obbligo di seguire i protocolli.

DL-126-2020_BN.jpg

AGGIORNAMENTO DEL 14/10/2020

Con la pubblicazione della legge 13 ottobre 2020, n° 126 è stato convertito il D.L. 104, cosiddetto “Decreto Agosto”.
Gran parte del testo riguarda l'aspetto economico e incentivi vari. È suddiviso in otto capitoli:

  • Capo I: Disposizioni in materia di lavoro
  • Capo II: Agevolazione contributiva per l'occupazione in aree svantaggiate - Decontribuzione Sud
  • Capo III: Disposizioni in materia di salute
  • Capo IV: Disposizioni in materia di scuola, università ed emergenza
  • Capo V: Disposizioni concernenti regioni, enti locali e sisma
  • Capo VI: Sostegno e rilancio dell'economia
  • Capo VII: Misure fiscali
  • Capo VIII: Disposizioni finali e copertura finanziaria

Segnaliamo che il testo modifica l’art. 7 quinquies del D.Lgs. 36/2003 sulle discariche, recentemente modificato dal D.Lgs. 121/2020. La modifica consiste nella correzione di due errori:

  • Si fa ora riferimento, in modo corretto, per i criteri di ammissibilità in discarica per rifiuti non pericolosi alla Tabella 5 (e non alla “tabella 5a dell’allegato 4” che invece riguarda i rifiuti pericolosi stabili e non reattivi);
  • Si correggono tutti i riferimenti alla Tabella 1 dell’allegato P – che non esiste – presenti nelle tabelle: 3, 5-bis e 6-bis dell’allegato 4: il riferimento rimanda ora correttamente alla Tabella 1B dell’allegato 3.

 

Infine, segnaliamo l’intervento circa l’obbligo di usare almeno il 50% di PET vergine nella produzione di bottiglie, come previsto dall’art. 13-ter, comma 1, DM Sanità 21 marzo 1973 sul contatto alimentare. Con la L. 126/2020, in via sperimentale dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 sarà possibile utilizzare il 100% di PET riciclato.

 

Entrata in vigore: 14 ottobre 2020