fbpx
Header

AGGIORNAMENTO DEL 2/8/2019

 

Pubblicata una modifica al Decreto Ministeriale 21 marzo 1973 Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili, destinati a venire in contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d'uso personale limitatamente agli acciai inossidabili.

Con il testo, in vigore dal prossimo 16 agosto, viene modificata la sezione 6 dell’allegato II al Decreto Elenco degli acciai inossidabili che possono essere impiegati in contatto con gli alimenti.

 

Testo di legge nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol

AGGIORNAMENTO DEL 23/7/2019

Il 16 Luglio u.s. l'agenzia Europea delle sostanze chimiche – ECHA - ha aggiornato l’elenco delle sostanze “candidate” come sostanze estremamente preoccupanti ai sensi del regolamento Reach. Attualmente le sostanze SVCH sono 201, l’elenco completo e ufficiale è disponibile al sito dell’Agenzia.

Le nuove sostanze aggiunte all’elenco, che devono essere tenute monitorate a causa della loro proprietà potenzialmente pericolose, sono:

  • 2-metossietil acetato CAS 110-49-6 : Tossico per la riproduzione;
  • Fosfito tris (4-nonilfenilico, ramificato e lineare) (TNPP) con ≥ 0,1% p/p di 4-nonilfenolo, ramificato e lineare (4-NP) : Proprietà di interferenza endocrina. Viene utilizzato principalmente come antiossidante per stabilizzare i polimeri;
  • Acido propionico 2,3,3,3-tetrafluoro-2- (eptafluoropropossi), suoi sali e suoi alogenuri acilici (che coprono uno qualsiasi dei loro singoli isomeri e loro combinazioni) : probabili effetti gravi per l'ambiente e per la salute umana. Aiuta alla trasformazione nella produzione di polimeri fluorurati;
  • 4 4-ter-butilfenolo CAS 98-54-4 : Proprietà di interferenza endocrina. Utilizzato in prodotti di rivestimento, polimeri, adesivi, sigillanti e per la sintesi di altre sostanze.

Testo della direttiva nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol

 

AGGIORNAMENTO DEL 5/7/2019

L’Albo gestori ha reso pubbliche due delibere che definiscono i Criteri e le modalità di svolgimento delle verifiche per i responsabili tecnici di cui al DM 120/2014 modificando la precedente normazione. Le nuove disposizioni sono in vigore dal 19 luglio prossimo.

Tra le novità principali si segnalano:

  • la possibilità di iscrizione a più moduli per la stessa sezione si esame fino ad un massimo di tre moduli nella stessa sezione;
  • il modulo obbligatorio per tutte le categorie;
  • la durata quinquennale della iscrizione nel caso in cui, allo scadere del quinquennio il soggetto non abbia superato la verifica di aggiornamento relativa al modulo obbligatorio perde il requisito per tutte le categorie anche per quelle in cui sia in corso di validità l’idoneità specifica.

Nella delibera si specifica che i soggetti che hanno conseguito l’idoneità iniziale prima dell'entrata in vigore di queste nuove disposizioni, 19/07/2019, possono iscriversi alle verifiche per ulteriori moduli senza dover nuovamente sostenere la parte obbligatoria.

 

Ecol Studio ti può supportare a preparare l’esame per Responsabile Tecnico della Gestione dei Rifiuti.

Nella sede di Lucca dal 28/08 prossimo è in programma un corso di PREPARAZIONE ALL'ESAME PER RESPONSABILE TECNICO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CATEGORIE 1, 4 E 5. Clicca qui per maggiori dettagli.

Verifica la data dell’esame più comoda per te sul sito dell’Albo Gestori e contatta l’ufficio Formazione di Ecol Studio per maggiori informazioni e per iscrizioni.

Testo nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol

AGGIORNAMENTO DEL 9/7/2019

Sulla Gazzetta ufficiale di ieri 7 luglio è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n° 62 del 15/05/2019 riguardante la disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto da prodotti assorbenti per la persona (PAP), ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.


I materiali derivanti dal recupero dei prodotti assorbenti per la persona, cosiddetti PAP, cessano di essere considerati come rifiuto e vengono classificati come plastiche eterogenee se risultano conformi ai requisiti tecnici generali e specifici di cui agli allegati 1, 2, 3, e 4 ed utilizzati esclusivamente agli scopi elencati in allegati 5. Il rispetto dei criteri è attestato dal produttore con la dichiarazione di conformità redatta utilizzando il modello riportato in questo decreto. La registrazione EMAS e/o il in possesso di certificazione 14001 esime dall’obbligo di dichiarazione di conformità se viene predisposta apposita documentazione.
Entro il 20 novembre 2019, il produttore presenta all'autorità competente un aggiornamento della comunicazione effettuata ai sensi dell'articolo 216 o un'istanza di aggiornamento dell'autorizzazione ai sensi del Capo IV, del Titolo I, della Parte IV ovvero ai sensi del Titolo III-bis del D.Lgs. 152/06.

Testo della direttiva nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol

AGGIORNAMENTO DEL 25/6/2019

Pubblicato il Regolamento 1021/2019 relativo agli inquinanti organici persistenti.

Il testo, in vigore direttamente in ogni stato dal 15 luglio prossimo, abroga la precedente regolamentazione definita con il Regolamento 850/2004 per rendere più chiare e meglio armonizzate le regole sui POP (Inquinanti organici persistenti), il testo ha come obiettivo quello di tutelare la salute umana e l'ambiente dai POP. Con il regolamento si allinea la normativa sugli inquinanti organici persistenti (persistent organic pollutants - POPs) alle evoluzioni avvenute e adotta ulteriori provvedimenti.

Testo della direttiva nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol