fbpx
Header

AGGIORNAMENTO DEL 17/1/2020

È stata pubblicata la versione aggiornata del D.Lgs. n. 81/2008.

Le novità in questa versione GENNAIO 2020 sono le seguenti:

  • Inseriti gli interpelli dal n. 4 al n. 8 del 2019;
  • Sostituito il Decreto Direttoriale n. 8 del 25 febbraio 2019 con il Decreto Direttoriale n. 57 del 18 settembre 2019 - Ventiduesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’art. 71 comma 11;
  • Sostituito il Decreto Direttoriale n. 2 del 16 gennaio 2018 con il Decreto Direttoriale n. 58 del 18 settembre 2019 - Ottavo elenco dei soggetti abilitati e dei formatori per l’effettuazione dei lavori sotto tensione;
  • Aggiunta la lettera a-bis all’art. 4, comma 1, del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 22 gennaio 2008, n. 37, inserita dal comma 50 dell’art. 1 della Legge 13 luglio 2015, n. 107;
  • Aggiunto l’art. 7-bis al Decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462, come previsto dall’art. 36 del Decreto-Legge 30 dicembre 2019, n. 162, pubblicato sulla G.U. n. 305 del 31/12/2019.

Testo aggiornato del D.Lgs. 81/2008 disponibile per gli abbonati nella pagina Aggiornamento normativo di MyEcol

AGGIORNAMENTO DEL 16/1/2019

L’European Chemicals Agency (ECHA) ha aggiunto quattro nuove sostanze nella candidate liste, l’elenco delle sostanze estremamente preoccupanti per la salute umana e per l’ambiente (SVHC – Substances of Very High Concern) candidate all’autorizzazione:

  • Acido perfluorobutano solfonico (PFBS) e suoi Sali
  • Diisoesil ftalato
  • 2-metil-1- (4-metiltiofenil) -2-morfolinopropano-1-one
  • 2-benzil-2-dimetilammino-4'-morfolinobutirrofenone

 

Candidate list SVHC aggiornata: link al sito ECHA.

Approfondimento disponibile per abbonati Paper NewsPaper.

AGGIORNAMENTO DEL  13/1/2020

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha confermato, per le dichiarazioni con riferimento all’anno 2019, il modello di dichiarazione ambientale allegato al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 24 dicembre 2018, pubblicato nel Supplemento ordinario n° 8 alla Gazzetta ufficiale – serie generale – n° 45 del 22 febbraio 2019.

Le dichiarazioni devono essere presentate entro il 30 aprile 2020.

Rimangono immutate le informazioni da comunicare, le modalità per la trasmissione, nonché le istruzioni per la compilazione del modello.

Per maggiori informazioni sul Modello Unico di Dichiarazione Ambientale vigente: link al sito del MATTM

AGGIORNAMENTO DEL 9/1/2020

L’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato il Rapporto 19/23 Rev. contenente uno Studio dell’Esposizione del Consumatore all’alluminio derivante dal contatto alimentare.

Lo studio ha preso in esame pentolame, utensili, contenitori di vario tipo e film monouso di alluminio, sottoponendo questi materiali a prove di migrazione di sostanze in condizioni realistiche di contatto con 48 tipologie di alimenti. È stata di conseguenza stimata l’esposizione della popolazione italiana a livelli medi, alti ed estremi per le varie fasce di età ed è stata confrontata con la soglia del Tolerable Weekly Intake.

Lo studio ha dimostrato come gli articoli monouso contribuiscano in modo modesto all’incremento di alluminio ceduto in alimenti, rispetto invece al pentolame e agli utensili, per i quali l’esposizione è maggiore; in particolare, soprattutto per la fascia di età infantile, si è osservato che una delle fonti di esposizione all’alluminio più rilevante è il consumo di brodi.

Il Rapporto 19/23 rev. dell’Istituto superiore di Sanità è consultabile a questo link.

AGGIORNAMENTO DEL 2/1/2020

Pubblicato il decreto legislativo 163/2019 che riporta la Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (UE) n° 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n° 842/2006.

Il testo, pubblicato il 2 gennaio 2020, entra in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione, abrogando il D.Lgs. 26/2013.

Entrata in vigore: 17/01/2019