fbpx
Header
Direttiva_ADR-2021_BN.jpg

Trasporto merci pericolose – DM 13/1/2021: Adeguamento a ADR, ADN, RID 2021

AGGIORNAMENTO DEL 12/2/2021

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il DM 13/01/2021 di Recepimento della direttiva (UE) 2020/1833 della Commissione, che modifica gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose.

 

Con il testo, il Ministero dei Trasporti formalizza l’adeguamento degli accordi ADR, ADN e RID alle modifiche apportate dalla direttiva 1833, rendendo così operative le versioni 2021 anche in Italia.

 

Le versioni aggiornate degli accordi internazionali sul trasporto su strada (ADR), nelle vie navigabili interne (ADN) e su ferrovia (RID) sono già applicate e obbligatorie, a livello internazionale, dal 1° gennaio 2021. Per i trasporti nazionali tale obbligo sarà, invece, vigente a partire dal 1° luglio prossimo.

 

Tra le principali novità evidenziamo:

 

  1. Rifiuti medicali infettanti: È stato inserito il codice ONU 3549 riferito ai rifiuti medici solidi contenenti materie infettive di categoria A prodotti dal trattamento medico di esseri umani o veterinario degli animali;

 

  1. Batterie al piombo: sono state introdotte prescrizioni specifiche sugli imballaggi al fine del trasporto in sicurezza;

 

  1. Batterie al litio: È stata introdotta la disposizione speciale 390 per i codici ONU 3091 (“Batteria al litio metallico contenute in un dispositivo”) e 3481 (“Pile al litio ionico contenute in un dispositivo”); è stata introdotta l’esenzione al cap. 1.1.3.7 per i dispositivi di stoccaggio e di produzione di energia elettrica;

 

  1. Materiali radioattivi: Sono stati inseriti gli “oggetti contaminati superficialmente” (SCO III) nella classe 7 (materiali radioattivi);

 

  1. Idrocarburi, pitture, profumi, adesivi scarti (cap. 3.1.2.8.1.4): sono state introdotte prescrizioni specifiche per i codici ONU 3077 e 3082;

 

  1. Relazione d’incidente: Anche lo scaricatore è ora obbligato a trasmettere all’Autorità competente la relazione in caso d’incidente;

 

  1. Consulente ADR: Anche le aziende con il ruolo di puro speditore hanno ora l’obbligo di nomina del consulente.