fbpx
Header
Conflicts-metals_BN.jpg

Stagno, tantalio, tungsteno e oro da zone di conflitto: pubblicato il D.Lgs. 13/2021 – Obblighi in materia di Dovuta Diligenza

AGGIORNAMENTO DEL 17/2/2021

Pubblicato il D.Lgs. n° 13 del 2/2/2021 che dà Attuazione della delega al Governo per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/821 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, che stabilisce obblighi in materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per gli importatori dell'Unione di stagno, tantalio e tungsteno, dei loro minerali, e di oro, originari di zone di conflitto o ad altro rischio.

Il testo, che entra in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione ovvero il 3/3/2021, definisce obblighi di dovuta diligenza per gli importatori, controlli ex post, misure correttive, sanzioni amministrative.

Segnaliamo, in particolare:

  • Art. 4 obblighi: Gli importatori devono fornire, su richiesta dell’autorità le informazioni relative al regime Due Diligence adottato.
  • Art. 5: Con decreto successivo verranno stabilite le modalità operative di esecuzione dei controlli.
  • Art. 6: Qualora risultino infrazioni al regolamento, l’autorità ne dà attuazione all’importatore che, entro 30gg deve comunicare il pianto di attuazione delle misure correttive
  • Art. 7. L’importatore, che non ottempera ai controlli ex post, non consente le ispezioni e gli accertamenti è soggetto a sanzione fino a 20.000€, stessa cifra massima per chi non adotta misure correttive (art.6).