fbpx
Header
Sicurezza-fomazione-aula.jpg

Linee Guida Confindustria per l’adozione dei Modelli Organizzativi 231

AGGIORNAMENTO DEL 29/6/2021

Il Ministero della Giustizia ha approvato la nuova versione delle Linee Guida di Confindustria per l’adozione dei modelli organizzativi 231.

Come si legge nell’introduzione del documento le linee guida si propongono di offrire alle imprese che abbiano scelto di adottare un modello di organizzazione e gestione una serie di indicazioni e misure, essenzialmente tratte dalla pratica aziendale, ritenute in astratto idonee a rispondere alle esigenze delineate dal decreto 231.

Il documento è diviso in due parti, una generale ed una speciale: l’ultimo aggiornamento ha riguardato entrambe.
Nella parte generale le principali novità riguardano:

  • la disciplina del whistleblowing;
  • gli aggiornamenti conseguenti alla Legge cd. Spazzacorrotti;
  • l’opportunità di valorizzare un approccio integrato alla compliance.


Nella parte speciale - APPENDICE: CASE STUDY - le linee guida sono state invece integrate con paragrafi dedicati alle nuove fattispecie di reato presupposto della responsabilità 231 (es. corruzione privata, caporalato, abusi di mercato, autoriciclaggio e riciclaggio, traffico di influenze illecite, reati tributari, contrabbando, reati di peculato).