fbpx
Header
Food_Safety_BfR_BN.jpg

BfR pubblica la V edizione dell’Almanacco europeo per la Sicurezza Alimentare

L’11 agosto 2021, il BfR (Bundesinstitut für Risikobewertung - Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio) ha pubblicato la V edizione dell’Almanacco europeo per la Sicurezza Alimentare.

L'Almanacco della Sicurezza Alimentare (Food Safety Almanac) dell'UE fornisce una panoramica dei quadri giuridici vigenti nei Paesi membri in materia di sicurezza degli alimenti e dei mangimi, incluso il packaging.

È un esempio della cooperazione costruttiva praticata tra tutti gli organismi coinvolti nella sicurezza alimentare in Europa. L'EFSA e la sua rete di “Focal Point” in tutti i 27 Stati membri dell'UE, dell'Islanda e della Norvegia, nonché gli osservatori della Svizzera e dei Paesi candidati all'adesione all'UE, hanno contribuito a questo aggiornamento dell’Almanacco pubblicato dal BfR. Complessivamente, nella Quinta edizione sono inclusi i profili di 37 paesi.

A livello europeo, la valutazione e la comunicazione del rischio sono compiti assegnati all'EFSA, mentre la gestione del rischio rimane di competenza della Commissione e del Consiglio dell'Unione europea.

Nei vari stati europei, l'assegnazione dei compiti di valutazione, gestione e comunicazione del rischio hanno strutture giuridiche diverse.

Alcuni paesi, tra cui la Germania, preferiscono distribuire la responsabilità della valutazione e della gestione del rischio tra diverse istituzioni. Altri paesi raggruppano questi compiti in un'unica istituzione.

Le istituzioni governative pertinenti con i loro compiti e le basi legali in relazione alla sicurezza degli alimenti e dei mangimi sono indicate nei profili di ciascun paese. I profili indicano anche se (e in quale misura) ciascun paese pubblica le sue valutazioni del rischio.

La distribuzione della responsabilità tra i livelli nazionale, regionale e locale all'interno di un dato paese ha anche un impatto sull'efficiente regolamentazione della sicurezza alimentare. Alcuni paesi tendono a far condurre le loro valutazioni del rischio da esperti esterni (commissioni), mentre in altri paesi, le istituzioni effettuano in gran parte le valutazioni del rischio da sole.

 

Link alla Quinta edizione dell’UE Food Safety Almanac